San Quirico d’Orcia (41Km)

Tra il III e il II secolo a.C. San Quirico d’Orcia già compare nel liber rurales etrusco più antico d’Europa come città di Ena. Immerso nella Val d’Orcia, nel medioevo si trovava nella via direttrice della Francigena ed ha ospitato molte raccolte di mercanti umbro-marchigiani organizzati dal famoso Guido Morgante.

Cosa vedere a San Quirico d’Orcia

  • Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta: Di origine antica, è preceduta da un battistero risalente all’VIII secolo. E’ pprezzata per i rilievi di stampo cristiano e lombardo e al suo interno è possibile trovare un affresco cinquecentesco di Girolamo di Benvenuto ed uno seicentesco di Rutilio Manetti.
  • Chiesa di Santa Maria ad Hortos: Edificio semplice e suggestivo allo stesso tempo costituito da pietre squadrate in travertino. Il portale che si affaccia sulla Via Francigena presenta numerose analogie con
    l’abbazia di Sant’Antimo.
  • Horti Leonini: Esempio ben conservato di giardino all’italiana. Ogni scultura presente nel parco ha una sua simbologia, tra le più apprezzate troviamo le teste leonine sui portali d’ingresso e la testa di Giano bifronte al confine tra il giardino e l’annessa foresta di lecci secolari.
  • Chiesa della Madonna di Vitaleta: Fu costruita sui resti del convento di San Francesco, sull’altare maggiore è conservata la Madonna Annunciata di Andrea Della Robbia.
  • Cinta Muraria: Di origine medievale e conservata quasi in tutta la sua interezza.

Da vedere nei dintorni

Cappella della Madonna di Vitaleta: Di origine tardo rinascimentale, viene documentata per la prima volta nel 1590. Si trova su una strada sterrata che collega San Quirico d’Orcia a Pienza ed è patrimonio UNESCO. Da essa proviene la Madonna Annunciata di Andrea Della Robbia conservata nella Chiesa della Madonna di Vitaleta nel centro storico di San Quirico.

Cosa fare

Servizi

Maggiori informazioni

it.wikipedia.org/wiki/San_Quirico_dOrcia
www.comunesanquirico.it